In passato, per bloccare la fecondazione dopo un rapporto presunto a rischio, si usavano grandi dosaggi di ormoni, talvolta anche alti dosaggi di estrogeni.

Successivamente, dagli anni ’70-’80 in poi, si iniziò a seguire il metodo Yuzpe che aveva però diversi effetti collaterali: nausea, vomito, mal di seno, mal di pancia.

Oggi, con la “pillola del giorno dopo”, i fenomeni collaterali sono sostanzialmente nulli, al massimo si sposta in avanti o indietro di qualche giorno la venuta del ciclo del mese successivo.

La “pillola del giorno dopo” dev’essere usare una tantum e, in ogni caso, prima possibile, dopo un rapporto presunto a rischio: se per esempio si rompe un preservativo o la donna ha dimenticato di assumere la pillola contraccettiva classica o ha subito violenza sessuale.

Con la liberalizzazione di questa pillola, si è ridotto decisamente il numero degli aborti volontari.
Per ricevere una giusta informazione sulla contraccezione di emergenza, sono di grande utilità i portali Smic, Mettiche e VediamociChiara.

GUARDA ANCHE

Contraccezione oggi in Italia. Il sondaggio di VediamociChiara

Il Portale VediamociChiara  ha, recentemente, condotto un sondaggio sulla contraccezione, intervistando  più di 1800 utenti, in età compresa tra 20 e 40 anni. Si è notato che cresce il numero delle ginecoleghe rispetto ai ginecologi. Dallo studio è, poi, emerso che la...

Un nuovo anno con Vediamocichiara

  Un nuovo anno con Vediamocichiara, il portale dedicato alle donne che vogliono sapere qualcosa in più sulla salute propria e di tutta la famiglia. Tante le iniziative, come ci spiega Maria Luisa Barbarulo. Ascolto delle donne in rete, contro la violenza. Una...

La settimana del benessere sessuale compie 5 anni.

  La settimana del benessere sessuale compie 5 anni. Dall'1° al 6 ottobre, un calendario fitto di consulenze gratuite, conferenze, seminari e sportelli nelle scuole organizzati in tutta Italia dalla Federazione Italiana Sessuologia Scientifica (FISS). Ne parliamo con...

  1. Radio Antenna1