Il termine Smart Working è entrato a far parte del nostro parlare quotidiano anche se non tutti hanno ben chiara la differenza che esiste con il Telelavoro.

Nonostante si tratti in entrambi i casi di un contratto tra il datore di lavoro e il lavoratore, nel primo caso gli orari di produzione vengono fissati in maniera rigida dall’azienda e seguono per lo più gli orari d’ufficio.

Nello Smart Working, diversamente, più di orario di lavoro si parla di produttività. Viene lasciata infatti libera facoltà al lavoratore di organizzare la propria giornata tra impegni personali e di lavoro. L’importante è che garantisca lo svolgimento e conclusione delle attività assegnategli.

L’emergenza coronavirus e il decreto attuativo del febbraio 2020 a prevedere la sospensione delle attività delle imprese ad esclusione di quelle che possono essere svolte in modalità domiciliare hanno fornito una grossa spinta all’uso del lavoro agile alle PMI. Una analisi del 2019 rilevava che solo l’8% di esse aveva iniziative strutturate di Smart Working mentre solo il 2% dichiarava di prevedere l’introduzione di tale metodologia di lavoro nel breve periodo.

Per questo motivo la maggior parte delle aziende si è trovata all’improvviso nella situazione di dover organizzare in maniera efficace il ricollocamento della propria forza lavoro in luoghi diversi da quelli soliti.

I lavoratori d’altro canto hanno dovuto approntare delle postazioni di lavoro d’emergenza nelle proprie abitazioni sacrificando degli spazi vitali per la casa. In molti quindi ci si è posti il problema di dove collegare pc, stampante e quant’altro fosse necessario per poter svolgere il proprio lavoro.

Da non sottovalutare il fatto che integrare delle attrezzature d’ufficio in appartamenti pensati ed arredati per altro non sempre era una cosa gradita.

Per fortuna al giorno d’oggi l’aspetto estetico dei prodotti informatici è preso seriamente in considerazione dalle case produttrici le quali quasi tutte hanno a catalogo prodotti che seppur di piccole dimensioni sono funzionali ed anche piacevoli da integrare all’interno di un arredamento domestico. E per quanto riguarda i costi di gestione non c’è da preoccuparsi;

Tuttocartucce da anni nel mercato dell’importazione diretta di cartucce compatibili per stampanti vi invita sul proprio sito per scoprire quanto potete risparmiare senza abbandonare la qualità

Vediamo insieme qualche esempio.

Canon Pixma TS9150: La TS9150 è la scelta ideale per chi vuole stampare da casa come in ufficio. Offre infatti un sistema di stampa in esacromia (sei colori separati). Include funzioni specifiche per le foto, basti pensare alla cartuccia “blu fotografico” per offrire maggior profondità di colore. Completa la dotazione la possibilità di stampare tramite WiFi o Bluetooth anche da smartphone. Se state pensando che la TS9150 sia la stampante che fa per voi, provate a dare un occhio alla TS9155. La vorrete subito nel vostro ufficio di casa.

 

 

 

 

 

 

Canon Pixma TS5051: Una Stampante Wi-Fi multifunzione compatta. Stampa dai documenti di testo a foto ad alta risoluzione grazie alle 5 cartucce di stampa separate. Caratterizzata da un rivestimento esterno elegante e da un display LCD è l’ideale per gli uffici domestici ad alta produttività; disponibile anche in nero o grigio.

 

www.tuttocartucce.com