Si è spento all’età di 94 anni il cantautore Charles Aznavour, noto anche come il “Frank Sinatra di Francia”.

Di origini armene, nasce il 22 maggio del 1924 da genitori artisti: suo padre era stato un baritono, sua madre un’attrice, che era riuscita a scampare al genocidio. A soli nove anni Aznavour è già immerso nel mondo artistico parigino.

Scrive e interpreta successi come La mamma, Et pourtant (1963), For me formidable (1964), Que c’est triste Venise (1964), La Boheme (1965) e Emmenez-moi (1967). Aznavour si esibisce sui piu importanti palcoscenici internazionali. Canta in sette lingue, persino in napoletano.

Ma grande è anche il suo impegno civile. Dopo il terremoto del 1988 nella sua Armenia, che contò oltre 25mila vittime, Aznavour si spende nella raccolta di fondi per i sopravvissuti e incide con 89 artisti un disco per beneficienza che vende milioni di copie. Nel 1994 porta tonnellate di aiuti alimentari e medicine ai rifugiati del conflitto del Nagorno Karabakh, donando più di tre milioni di franchi francesi,  per costruire un ospedale.

Nel 1997 il presidente Jacques Chirac gli conferisce la Legion d’Onore, per aver dato lustro alla Francia nel mondo. Nel 2006 presenzia alle commemorazioni del genocidio armeno del 1915.

Nel 2008 Aznavour ottiene la cittadinanza armena e nel 2009 diventa ambasciatore dell’Armenia in Svizzera e rappresentante permanente del Paese presso la sede Onu a Ginevra.

Molti cantanti e interpreti di fama internazionale hanno voluto duettare insieme a lui. Tra loro Julio Iglesias e Laura Pausini.

  1. Radio Antenna1