L’acquisto di una stampante il più delle volte viene effettuato per necessità, difficilmente è un acquisto mirato alla soddisfazione di un bisogno improvviso o indotto.

Motivo per cui si valutano pro e contro di ogni macchina affidandosi al web o agli esperti di vendita dei negozi.

Le variabili da prendere in considerazione sono molte; dalla velocità di stampa, alla qualità della stessa. Se sono in grado o meno di stampare foto, se laser o a getto d’inchiostro.

Ultimamente un’altra variabile è entrata a far parte del criterio di valutazione all’acquisto; l’estetica. Molte case produttrici, infatti, avendo intercettato la necessità di dotarsi di una stampante in casa hanno finalmente dotato i loro device di colori e dimensioni facilmente adattabili all’arredamento di casa.

Quello che raramente viene preso in considerazione però è il costo di gestione della periferica che stiamo acquistando. Questo accade per diversi motivi.

Sicuramente c’è il fatto che la stampante viene venduta pronta all’uso, la confezione contiene al suo interno, infatti, le cartucce originali di prima installazione. La percezione dell’acquirente è quindi che il costo da sostenere è quanto ha pagato al momento dell’acquisto.

A questo bisogna aggiungere una tecnica di marketing ormai consolidata e usata in maniera diversa da tutti o quasi i produttori di stampanti, ovvero la tecnica del loss leader.

 

 

La tecnica del loss leader

Si basa sulla vendita di beni a prezzi più bassi rispetto a quelli normalmente previsti, riducendo così il margine di profitto associato alla relativa vendita.

La tecnica promozionale in questione viene utilizzata per spingere all’acquisto di prodotti complementari e per promuovere, di conseguenza, la fedeltà nei confronti del brand: pensiamo ad esempio al mercato delle console.

Il valore di una macchina da gioco con le caratteristiche di una Playstation 5 è molto più elevato se paragonato al valore della PS5. Ma la relativa perdita di margine di guadagno viene compensata con l’acquisto di videogiochi.

Con le stampanti la tecnica più o meno è la stessa. La macchina tende ad avere un valore molto basso (a volte anche inferiore ai 50€) salvo poi far pagare le cartucce originali o i toner originali a prezzi molto elevati.

Fortunatamente per noi, nel tempo si è sviluppato un mercato parallelo di cartucce compatibili e toner compatibili. Questi prodotti, seppur non raggiungendo al 100% la qualità di stampa degli originali, consentono di ottenere ottime stampe a prezzi nettamente più bassi.

È chiaro che in questo caso l’attenzione all’acquisto deve essere maggiore dato che alle spalle non c’è la garanzia della casa costruttrice. Bisogna affidarsi unicamente a siti che sono sul mercato da molti anni.

È il caso di Tuttocartucce.com

 

Tuttocartucce.com da oltre 20 anni si occupa unicamente di consumabili per la stampante. È dotata di un ufficio di Back Office che si prende cura del cliente dall’acquisto al post-vendita e di un ufficio tecnico che oltre ad essere a disposizione del cliente per eventuali problemi di installazione, testa tutti i prodotti prima di metterli in vendita.

Solo in questo modo può certificarne al 100% la compatibilità con la tua stampante.

Nonostante sia online da molti anni, Tuttocartucce.com non smette mai di innovarsi ed a breve verrà rilasciato il loro nuovo sito di e-commerce. Un sito che a partire dalla grafica fino ad arrivare al motore di ricerca sarà in grado di adattarsi ed anticipare le esigenze dell’acquirente.

Particolare attenzione è stata data alla velocità di caricamento delle pagine e al numero di click necessari per poter concludere l’acquisto il più velocemente possibile.

La versione mobile è stata totalmente rinnovata. Sempre più gli acquisti vengono effettuati tramite Smartphone e Tuttocartucce.com ha pensato al proprio sito introducendo, per la versione mobile, le stesse caratteristiche della versione desktop.

Non più quindi un sito desktop che si adatta, ma uno sviluppo custom per venire incontro alle esigenze dei propri clienti.