You Really Got Me è il terzo singolo dei Kinks di Ray Davies, pubblicato il 16 settembre del 1964. Fu il primo pezzo della band ad arrivare in vetta alle classifiche inglesi e singolo apripista in America.

You Really Got Me è inoltre ritenuto fondamentale per l’evoluzione dell’hard rock e dell’heavy metal, ispirano in particolare e “direttamente” i futuri Led Zeppelin, e scopriamo subito il perché.

Per anni è circolata la leggenda che il mitico assolo di chitarra non fosse di Dave Davies, (all’epoca diciassettenne), ma di Jimmy Page, all’epoca sessione man proprio con i Kinks.

La risposta a questa fatidica domanda è “Nì”. Jimmy Page lavorò alle chitarre ritmiche del primo album della band così che Ray Davies potesse concentrarsi esclusivamente sulla voce.

Fu Dave Davies a curare, invece, i soli sul disco. Inoltre, la traccia, ha coadiuvato nella nascita dell’effetto di distorsione sulla chitarra, ottenuto in quel caso squarciando un amplificatore con delle lamette per arrivare ad un suono più aggressivo.

A Jimmy Page è sempre stato attribuito l’assolo di You Really Got Me che, però, si scoprì dopo diversi anni, non essere firmato da lui. A confermarlo, lo stesso Dave Davies che, scagliandosi contro un documentario BBC dedicato alla sua band, dichiarò attraverso un post su Twitter che il ruolo di Page in Kinks era relegato alle sole sezioni ritmiche.

In ogni caso, lo stesso Page ha spesso definito il suo contributo al disco particolarmente marginale, ripensando alle dichiarazioni di altri suoi colleghi come Jon Lord dei Deep Purple che, invece, sostenevano il contrario.

Si perché al piano, in compenso, c’è un certo Jon Lord che da li a breve avrebbe fondato i suoi Deep Purple. Anche se, sempre voci di corridoio, davano il merito di alcuni passaggi al grande direttore d’orchestra e pianista Arthur Greenslade.

Tra le altre e varie curiosità su You Really Got Me, stando a quanto raccontato da Ray Davies, il riff della canzone sarebbe venuto fuori mentre la band lavorava in jam session sul rifacimento di Louie Louie dei Kingsmen, mentre Dave Davies sostiene che il brano fu un omaggio a The Train And The River di Jimmy Giuffre.

La canzone è costituita interamente da power chords, ovvero accordi di quinta giusta estremamente potenti che regalano quel suono “aperto” largamente utilizzato, in seguito, proprio nel punk, nell’hard rock e nell’heavy metal.

Ma questo brano, come già detto detto, non è importante solo per le classiche e per le sue curiosità. Pete Townshend dichiarerà che il primo singolo dei suoi Who, I Can’t Explain, era un tentativo di suonare come i Kinks in You Really Got Me.

Se poi vogliamo essere “cinematografici”, molti di voi ricorderanno questo mitico brano in sottofondo nella scena di apertura della seconda stagione della serie Romanzo Criminale, quando il Bufalo pianifica il rapimento della bara del Libanese, o come pezzo di inizio di I Love Radio Rock, con il grande annuncio del “Conte” Philip Seymour Hoffman.

 

 

Giacomo Bloisi