PAUL MCCARTNEY ANNUNCIA IL SUO NUOVO TOUR IN EUROPA A DICEMBRE 2024

19 giugno 2024 - 11:14 - 631 visualizzazioni

Paul McCartney ha annunciato le date in Europa del Got Back Tour 2024. Dopo i concerti in programma in Sud America – più precisamente in Uruguay, Argentina, Cile e Perù – a ottobre, sir Paul si esibirà dal vivo in Europa per otto date (due per ogni città) a dicembre. Il 4 e il 5 dell'ultimo mese dell'anno Paul McCartney sarà a Parigi, il 9 e il 10 a Madrid, il 14 e il 15 a Manchester e il 18 e il 19 a Londra. La prevendita dei biglietti inizierà da venerdì 21 giugno, mentre sul sito ufficiale di Paul McCartney sarà disponibile già da mercoledì 19 giugno.

Queste del tour 2024 saranno le prime date in Europa di McCartney dopo quella di Glastonbury di due anni fa.

Esattamente una settimana dopo il suo ottantesimo compleanno, Sir Paul James McCartney ha dimostrato di essere probabilmente una delle più grandi icone culturali dell'Inghilterra. Dopotutto, nel giugno 2022, la rockstar è tornata al Festival di Glastonbury e ha condotto uno spettacolo storico, venerato come il più grande spettacolo di tutti i tempi!

Beh, almeno stando ai principali titoli di giornale della Terra della Regina! Ma che MCCARTNEY sia un vero patrimonio storico dell'umanità, lo sapevamo già. Quindi, cosa ha reso sul palco di Glastonbury un momento così unico ed espressivo per l'industria musicale?

Ebbene, il 25 giugno 2022, Paul McCartney ha invitato una folla di 100mila persone ad accompagnarlo in uno storico concerto, che ha ripercorso i più grandi successi della sua carriera e lo ha confermato come una delle voci più emblematiche di tutti i tempi.

"I festival sono speciali, ma Glastonbury è particolarmente speciale ed è un grande evento nell'anno di molte persone. Poiché è stato cancellato nel 2020 e nel 2021 a causa del Covid" ha commentato l'artista.

La BBC ha persino affermato che il trionfale ritorno di McCartney al festival lo ha decorato come il cantautore vivente più influente e di successo al mondo, oltre ad aver resuscitato il principale festival inglese, dopo un'inevitabile chiusura causata dalla pandemia di Covid-19.

unnamed.png (897 KB)

E la pausa di 18 anni tra le esibizioni della cantante all'evento che si tiene ogni anno sulle colline del sud-ovest della Gran Bretagna è stata premiata con un semplice duetto tra i due principali autori della più grande band di tutti i tempi! Grazie agli effetti digitali diretti da Peter Jackson (Il Signore degli Anelli), Paul e Lennon hanno potuto incontrarsi di nuovo in una performance virtuale: "Questo è molto importante per me. So che è una cosa virtuale, ma eccomi di nuovo qui a cantare con John, siamo di nuovo insieme".

Inoltre, durante le 3 ore in cui è stato sul palco del Pyramid, Paul ha suonato un repertorio di 36 canzoni, che vanno da canzoni della sua carriera solista a brani scritti durante i suoi anni con i Beatles e con la sua band degli anni '70 (Wings).

Ma le sorprese dello spettacolo non si sono fermate qui! Infatti, l'ex Beatle invitò anche Bruce Springsteen e Dave Grohl (fondatore dei Foo Fighters) a una performance congiunta che segnò l'edizione di quell'anno. "Ho chiesto a Bruce Springsteen nel 2020 se sarebbe stato felice di partecipare e lui ha detto di sì, e ha mantenuto la sua promessa due anni dopo. Quindi è stato molto emozionante avere lui e Dave Grohl sul palco".

In ogni caso, grazie allo show, Paul è stato applaudito da un mare di persone, che oltre ad onorare i momenti salienti della sua carriera, hanno potuto anche omaggiarlo per il suo 80° compleanno. Questo è quanto! Durante lo spettacolo, una folla ha applaudito il bassista con cori di "buon compleanno" mentre filmati esclusivi della sua carriera venivano riflessi sul grande schermo sul palco principale del festival.

Sull'atmosfera a Glastonbury, Paul ha aggiunto: "È una scena piuttosto impressionante per le persone tra il pubblico, ma abbiamo l'intera vista sul palco con le bandiere e le colline, quindi è stato davvero importante che abbiano accettato di unirsi a me in questa esperienza".

"È una cosa magica sapere che la musica può fare questo alle persone. Siamo l'unico animale sul pianeta che fa questo. Poi c'è la spiritualità del luogo, la conoscenza delle "ley lines" e tutto il resto. Quando hai un evento come Glastonbury e tutti si riuniscono con buone vibrazioni ed energia, sono davvero felice di farne parte".

FABIAN NODA

Commenti(0)

Log in to comment