Barbie e Davi Bowie : sapete cosa hanno in comune?

25 settembre 2023 - 08:10 - 829 visualizzazioni

LA RELAZIONE TRA IL FILM DI GRETA GERWIG E ROCK CHAMELEON

David Bowie è una delle figure più eccentriche della storia dello spettacolo. Barbie , a sua volta, il film più redditizio del 2023 . Ma sapete qual è il punto in comune tra questi due fenomeni culturali? Ebbene, Strange Barbie , uno dei personaggi più amati del film di Greta Gerwig , è stato ispirato dall'estetica Rock Chameleon , secondo Margot Robbie . 

pasted image 0 (5).png (1.94 MB)

David Bowie, nel corso della sua magistrale carriera, ha creato una serie di personaggi stravaganti, come l'alieno Ziggy Stardust e il famoso Thin White Duke, per dare vita ai suoi progetti musicali. Pertanto, i suoi personaggi, come il “Duca Bianco”, ad esempio, erano responsabili di accompagnare la sua personalità fluida e appariscente.

Con questo, il Camaleonte del Rock ha creato una figura mitica, capace di trascendere le generazioni e ispirare creatività e autenticità in migliaia di persone in tutto il mondo. Inoltre, la rock star è riuscita a immortalare la sua influenza, anche nella cultura popolare contemporanea, ispirando prima il look di Cillian Murphy in Oppenheimer e ora, l'identità visiva di uno dei personaggi di Barbie.

pasted image 0 (6).png (711 KB)

La Strana Barbie, personaggio interpretato da Kate McKinnon e una delle figure più memorabili del film di Greta Gerwig, è stata ispirata dal leggendario compositore degli anni '70 .

Nel materiale bonus recentemente pubblicato per il film, Margot Robbie, produttrice e protagonista del film, ha addirittura affermato che il personaggio di Kate era descritto come un mix tra un gatto senza pelo e David Bowie, nella sceneggiatura.

pasted image 0 (7).png (777 KB)

Il regista ha approfittato dello spunto della star australiana per evidenziare alcuni fatti interessanti sull'identità visiva di Strange Barbie:

"La Barbie Strana è in realtà la Barbie con cui giocheresti di più. Le spazzeresti i capelli e decideresti di tagliarli, poi vedresti cosa succederebbe se gli dessi fuoco e le disegnassi tutto il viso."

“La metti in spacco e provi a cambiarle i vestiti. Ho avuto un'idea del tipo: "Bene, dobbiamo avere una Barbie che rappresenti il ​​destino di così tante Barbie". Volevo che fosse divertente e saggia”, ha aggiunto il regista.

Fabian Noda
giornalista

Commenti(0)

Log in to comment