Oggi la situazione giuridica è particolarmente in evoluzione in merito alla determinazione dell’assegno divorzile.

Tra le proposte di legge c’è quella sull’abbattimento del tenore di vita come parametro per determinare l’assegno.

Per valutare l’assegno divorzile occorre considerare tutti i parametri, ad eccezione del tenore di vita tenuto in costanza di matrimonio perchè viene a mancare il requisito della solidarietà ricorrente nella separazione.

I casi vanno valutati singolarmente rivolgendosi ad un professionista della materia.

In giurisprudenza si parla anche di “assegni a tempo”, come già avviene in altri Paesi Europei.

L’assegno a tempo è un assegno quantificato per un periodo di tempo determinato ed è relativo al momento di difficoltà che vive il soggetto.

 

GUARDA ANCHE

Mantenimento diretto

  Il mantenimento diretto si verifica quando il genitore separato contribuisce al mantenimento dei propri figli senza versare un assegno periodico ma provvedendo direttamente alla soddisfazione delle loro esigenze di vita quotidiana. L’obiettivo è quello di riuscire a...

Divorzio popstar e figli

  Anche le popstar si trovano ad affrontare divorzi difficili con figli minorenni che decidono di vivere con uno solo dei genitori. E' il caso, per esempio, della popstar Madonna: Rocco, figlio diciassettenne, avuto dall'ex marito Guy Ritchie, ha deciso di non essere...

CENTRI ANTIVIOLENZA

  Il 25 novembre è la Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne. L'Avvocato Maria Luisa Missiaggia ha fondato un centro antiviolenza ed è presidente della Onlus Studiodonne che, con il progetto PerTeUomo, si occupa della cura e riabilitazione degli uomini...